Mania da lettrice #18

La mia mania letteraria più ingombrante? La chiamano anche tsundoku: sindrome dell’accumulo di libri. Io so perfettamente che ho degli arretrati in fatto di lettura, tuttavia non riesco a non procurarmi le nuove uscite o i classici che ancora mancano nella mia libreria. È più forte di me, le pile di libri sembrano crescere a vista d’occhio e purtroppo riesco solo a controllare la velocità dell’accumulo… Qualcuno vende scaffali usati??

Mania da lettrice #17

Non c’è proprio verso. Quando sono in libreria sono attratta molto di più dai volumi più pesanti, target minimo: 200 pagine! Quelli più brevi li prendo dopo un’attenta considerazione e difficilmente me ne pento. E voi? Quali sono i libri che vi attirano di più in uno scaffale? Quelli con un dorso sottile oppure no? Fatemelo sapere! 🙂

Mania da lettrice #16

Da qualche mese ho sviluppato una curiosa nuova mania, ovvero l’attenzione e la curiosità per i racconti. Ultimamente sto leggendo diverse raccolte, spinta dalla lettura del libro Il mestiere di scrivere di Carver, che ha notato quanto la forma del racconto breve stia lentamente prendendo piede tra i lettori. Anche a voi sta capitando la stessa cosa? Quanta attenzione avete verso questa forma di scrittura?

Mania da lettrice #15

Questa di cui sto per parlarvi è in realtà una bizzarria. Accadeva spesso quando avevo la metà degli anni che ho adesso e con libri molto voluminosi.
Era una vigilia di Natale, tutta la famiglia riunita, a cena finita presi in mano il mio nuovo libro (la Trilogia delle Cronache del Mondo Emerso di Licia Troisi) e mi sedetti sul divano.
Inspiegabilmente non riuscivo a trovare una posizione comoda, dunque optai per quella più scomoda in assoluto. Mi misi a testa in giù e, sostenendo il peso di quel librone, macinai pagine su pagine. Ovviamente sotto gli occhi sbigottiti dei miei familiari.

Mania da lettrice #14

Non so voi, ma io mentre leggo un libro interessante non riesco a sgranocchiare nulla. Lo sguardo non vuole allontanarsi dalle pagine e io non riesco a coordinare mani e bocca. Invece, se la lettura non mi prende, riesco tranquillamente a fare altre cose (probabilmente perché mi limito a seguire le parole con lo sguardo e non con la mente!).

Mania da lettrice #12

Mi capita sempre più spesso di chiudere letteralmente un libro nel cassetto del comodino di fianco al letto. Come se fosse un alimento, sempre pronto all’uso nella dispensa piena zeppa, da poterlo afferrare in qualsiasi momento. Quindi mi ritrovo il comodino invaso da libri da leggere, e un cassetto che custodisce quel particolare libro che si rende necessario. Temo sia sintomo di un bisogno irrefrenabile di controllo, sugli eventi, sulla vita, sulle sensazioni.

Mania da lettrice #10

Sapete, da bambina segnavo le pagine più belle con un graffio. Mi spiego. Quando trovavo una battuta divertente, quando veniva presentato un nuovo personaggio che mi interessava particolarmente, con l’unghia di un dito facevo un piccolo segno in prossimità di quel passaggio. Così mi ritrovo con alcuni libri scalfiti letteralmente dal mio interesse.
Fortunatamente adesso ho smesso e ripiego su matite, post it, segnalibri e “orecchie” (piccole piccole, giuro).