La lettura del week end

Buona domenica lettrici e lettori!
Son tornata da voi! Inizio questo articolo ringraziando delle oltre tre mila cinquecento visite raggiunte finora, grazie grazie grazie! 😀
Ripartiamo di gran lena a parlare delle letture dei miei week end, che in alcuni casi saranno titoli di puro svago e piacere e altri di puro studio e piacere (il bello di quando scegli una strada che ti piace e ritieni possa stimolarti 😉 ).
Questa domenica saranno protagonisti un veterano della letteratura, apprezzato ormai da quattrocento anni e che ha regalato alla modernità chiavi importanti per la lettura del mondo e della vita… Ma troverà spazio nelle ore serali la lettura di una sorprendentemente accattivante esordiente. Il bello è che provengono da due mondi distanti dal punto di vista, ovviamente temporale, e da quello spaziale. Un inglese e un’americana. Un uomo e una donna. Perché la letteratura non conosce alcuna discriminazione.

William Shakespeare, Emma Cline.

Del primo ho appena letto le tragedie Otello e Amleto e li sto studiando e analizzando per un esame che avrò a breve (brevissimo!). Indubbiamente due opere di grande rilevanza introspettiva, nonostante piccole pecche qua e là. Mi sarebbe piaciuto conoscere questo grande poeta e non mi sarei affatto stupita di trovarmi di fronte un uomo un po’ triste, come se portasse un fardello sulle spalle come i suoi personaggi. Perché chi non si offuscherebbe un po’ dopo aver capito un minimo come gira il mondo? Ah, beata ignoranza!
Di Emma Cline sto leggendo Le ragazze, regalo di natale fortemente desiderato ma mai richiesto, per questo è stata una splendida sorpresa averlo ricevuto. Il suo romanzo inizia con il tono sapientemente ovattato, per suscitare la sorpresa tipica di chi si avvicina a un vetro appannato e toglie il vapore con la mano, per scoprire che fuori dalla finestra si è appena scatenata una bufera. All’inizio trovo forse un po’ irritante non riconoscere subito i personaggi, ma capisco che questa tecnica può essere tanto rischiosa quanto azzeccata, staremo a vedere.

Ma ditemi di voi, quali letture sono state protagoniste del vostro week end?