La lettura del week end

carino-ragazza-che-legge-un-libro-di-sfondo_23-2147543759Buongiorno e buona Giornata Mondiale del Libro! 🙂
Questa mattina parleremo di diverse cose, ma prima volevo condividere con voi un po’ di emozioni.

[Inizio del breve intermezzo di commozione e incredulità]
Salve cari visitatori, da quando ho aperto il blog ho fatto molte cose, ne ho vissute altrettante, sia dal punto di vista personale che “lavorativo” – benché purtroppo tutto quello che faccio rientra ancora nel campo delle esperienze e della formazione. Ma quante cose sto imparando! Quante persone da cui trarre ispirazione! Quante attività in programma!
Poi, ieri, dopo poco più di tre mesi, sbircio le visualizzazioni e mi accorgo di aver superato le 1000! Perciò vi ringrazio mille volte, siete passati in più di 300 persone, che sicuramente sarà un numero insignificante paragonato a quello di altri blog, ma io sono solo all’inizio, e non ho intenzione di fermarmi a questa linea bianca. Questo è il mio START. Lo sparo è esploso. Ho iniziato a correre.
[Fine del breve intermezzo di commozione e incredulità]

Bene, adesso che vi ho ammorbato con i miei pensieri, parliamo di cose belle: le letture del fine settimana.
Questo week end l’ho riservato a letture brevi e letture meno brevi, si proseguono letture già avviate da un po’, si prendono appunti e si segnano i passaggi che più colpiscono, si iniziano letture che si rivelano una piacevole sorpresa.
Andarsene di Rodrigo Hasbún (SUR edizioni) inizia la narrazione con delicatezza, con personaggi un po’ stanchi della vita, alcuni stanchi dei continui spostamenti, altri stanchi dell’inoperosità. Ma la lettura continua accusando colpi di martello, e noi lettori siamo le incudini che assorbiamo la forza del mantice, ragazze che parlano come adulte, che provano sensazioni come le provano i bambini – con profonda consapevolezza, e si sa che la consapevolezza porta il dolore più intenso – e come a volte gli adulti dimenticano di aver provato. Rodrigo Hasbún sembra che stia raccontando la storia a un bambino curioso, il tono è dolce, caldo e protettivo, e questa caratteristica l’apprezzo veramente tanto.

Di Ancóra di Hakan Günday (marcos y marcos) ve ne ho già parlato a grandi linee e non vorrei ripetermi. Posso però aggiungere una conferma su tutte le mie impressioni iniziali. Leggere questo romanzo è solo un favore che facciamo a noi stessi, quindi perché non farlo anche ad altri consigliandolo caldamente e, perché no, regalarlo oggi a qualche amico? D’altronde come festeggiare meglio la Giornata Mondiale del Libro se non regalandone uno?
Su Ancóra voglio dire un’ultima cosa. Spesso mentre leggo mi diverto a segnare passaggi particolarmente poetici o adatti a una rappresentazione, che sia cinematografica, teatrale o amatoriale, quindi vi riporto un passo che mi ha colpita molto:

In fondo tutto il mio odio si riversava sempre sulla stessa cosa:il domani. E il domani poteva aspettare. Avrebbe aspettato. E io con lui. Dopotutto ero un vero codardo. E l’odio è la vendetta dei codardi. In questo ero un esperto! Si perde il senno, si sprofonda in una poltrona e ci si odia a morte. E si è i primi, a morire. Di tumore al cervello! Il tumore della vendetta! Un tumore grande come un chicco d’uva! Per aver covato troppi sogni di vendetta… Vendette rimaste nell’aria… Vendette mescolate con l’aria che respiriamo! Un’aria piena di sogni di vendetta mormorati alle spalle… E un po’ di ossigeno. Abbastanza per non morire. Per essere ancora utile a qualcosa…

Sentite come il respiro si fa man mano più affrettato, per poi affievolirsi alle ultime battute. La sentite la tensione che monta mentre Gazâ, un ragazzino, sfoga la sua amarezza?
In questo romanzo ogni pagina regala al lettore ondate di emozioni forti e a volte spaventose.

 

 

Annunci

2 pensieri su “La lettura del week end

  1. I tuoi consigli sono molto interessanti! “Andarsene” lo leggerò di sicuro perché mi “manca” la letteratura boliviana 🙂

    Io ieri ho terminato di leggere “Sanctuary Line” di Jane Urquhart … spero di trovare le parole e le immagini giuste per trasmettere quanto io abbia amato questo libro!

    Buona domenica,
    Claudia

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...