Valutare un manoscritto #1

naughty_black_booknaughty_black_booknaughty_black_book

Cari lettori, con tutta l’umiltà e la semplicità da me possedute voglio parlarvi di uno dei compiti che sto svolgendo nel mio percorso di apprendimento: valutare un manoscritto.

Quando si entra in un’agenzia editoriale le mansioni da eseguire variano dalla correzione di bozze al creare presentazioni in power point, dallo svolgere ricerche in ambito editoriale alla valutazione di manoscritti pervenuti alla suddetta agenzia nella speranza di una valutazione. Bene, oggi scriverò poche parole in merito a quest’ultimo argomento, dal punto di vista di una persona che ha molto da imparare, che sta facendo piccoli passi nel settore, una persona che ha davanti a sé – si spera – tante esperienze graificanti. Dunque, iniziamo.

Oggi vi parlo delle basi necessarie e secondo me imprescindibili per eseguire la valutazione di un manoscritto.

I- I presupposti

Onestà prima di tutto. Si deve essere onesti con sé stessi e con gli altri se si vuole fornire un servizio privo di inutili buonismi (su questo punto devo lavorarci su, mi dicono che ci vado giù con mano troppo leggera e gentile purtroppo, ma come ho detto cercherò di migliorare). L’onestà non deve mai mancare, perché altrimenti si rischia di fare più male che bene all’autore che richiede un giudizio imparziale e oggettivo.

Passione. Passione. Passione. Non al quadrato, addirittura al cubo. Come potremmo infatti sederci ogni giorno alla nostra scrivania di stagisti e leggere pagine su pagine di romanzi, racconti, biografie e quant’altro se non fossimo realmente interessati a questo lavoro? Sarebbe una tortura inutile e denigrante.

Conoscenza. Inutile dirvi che il detto “Scrivi di quello che conosci” è in questo caso più calzante di un calzino (scusate la freddura). La mia conoscenza al momento è basilare, ma l’impegno che sto mettendo in questa avventura mi porta ad aggiungere un mattoncino dopo l’altro al muro della mia casa letteraria. Dalla mia ho il vantaggio di conoscere persone che in questo settore ci lavorano da molti anni, che mi consigliano e mi insegnano cose che, altrimenti, non avrei potuto apprendere in altro modo. Perciò il concetto di conoscenza si dirama in quello di conoscenze, quelle giuste però.

Leggere molto. Spaziare da libri con un notevole spessore letterario a quelli più “di consumo” aiuta a farci individuare quelle caratteristiche che potremmo poi utilizzare per inquadrare meglio il manoscritto che abbiamo tra le mani nel suo genere più adatto (in merito a questo parlerò più dettagliatamente in un’altra pagina di questo breve “Diario di bordo”). Perciò non disdegnate i libri “leggeri” – questo termine, tengo a sottolineare, non mi piace per niente, ma suppongo sia utile per fare questa distinzione –, perché sul mercato troviamo anche quelli, vengono pubblicati con costanza e sempre più di frequente, le case editrici li cercano e li sostengono. Non facciamo gli “schizzinosi” e pensiamo piuttosto a imparare a distinguere nel modo giusto le categorie esistenti.

Informarsi e documentarsi. Internet è forse uno dei doni più rischiosi che ci è stato fatto. Ci sono dibattiti controversi e troppo ampi da affrontare qui e adesso. Vi parlo dunque di Internet come strumento di crescita. Consultatelo per navigare tra le moltissime case editrici attive in questi anni, spulciate i loro cataloghi, visitate i loro blog, leggete se ne hanno i loro manifesti e curiosate tra i loro autori. Prendete appunti su un quadernino e segnate le vostre scoperte, vi saranno utili nel momento della scelta delle case a cui proporre il manoscritto di turno.

Bene, ora che vi ho parlato delle basi necessarie per svolgere un buon lavoro – considerate che questa lista me la ripeto mentalmente ogni volta che devo eseguire una valutazione, tanto grande è la voglia di migliorare – posso lasciarvi in santa pace e tornare a leggere i bei libri che profumano ancora di nuovo. 🙂

Buona giornata!

blogicons_blogger

Annunci

2 pensieri su “Valutare un manoscritto #1

  1. Pingback: Valutare un manoscritto #2 – il Diario dei libri

  2. Pingback: Valutare un manoscritto #3 – il Diario dei libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...