La lettura del week end

Buongiorno cari lettori!
Eccoci qui con la mia rubrica del fine settimana, che vedo seguite sempre con interesse commentando ogni volta. GRAZIE, davvero.
Di questi tempi è difficile aprire un blog sui libri ignorando le opinioni, spesso selettive a priori, che altre persone esprimono sulle piattaforme social, per questo voglio ringraziare voi che mi leggete, voi che mi seguite, voi che mi commentate e che mi fate sentire che ci siete. Ok, fine della parte smielata (scusate ma sono fatta così, mi emoziono per le piccole grandi cose).

 

WP_20160409_08_29_45_Pro

Adesso… La lettura del week end si moltiplica! Abbiamo ben 4 libri sul comodino, due sono in progress – a dir la verità La scopa del sistema (edizione super ET di Einaudi) l’ho quasi terminato ma una piccola parte di me vorrebbe non finirlo mai –, gli altri due invece sono recenti acquisti (Giulia, ma dài?!?): Carne Viva di Merritt Tierce (edizioni SUR) e La straordinaria tristezza del leopardo delle nevi di Joca Reiners Terron (caravan edizioni). Ne ho sentito parlare molto bene di entrambi, sulle recensioni dei periodici e dei supplementi, da amici e dagli stessi editori (almeno per Carne viva, comprato al Book Pride Milano 2016).

Tra le letture in corso già avviate ho Ancóra di Hakan Günday (marcos y marcos), che fin dalle prime pagine, ma che dico, fin dalle prime righe mi aveva già conquistata. Günday riesce a far parlare un bambino donando alla sua voce la coralità del suo stesso popolo, dei suoi stessi conterranei e dei suoi vicini. Non è Gazâ, non è uno, ma tutti loro. O almeno, questa è la mia impressione di primo acchito. Ne parleremo molto meglio terminata la lettura (lettura che, per certi versi, non è adatta ai deboli di cuore e ai deboli di cervello).

La straordinaria tristezza del leopardo delle nevi invece lo comprai insieme al mio ragazzo durante una visita improvvisata a una libreria nella quale mi sarebbe tanto piaciuto poterci andare prima (in occasione della presentazione di Neve, cane piede di Claudio Morandini edito da Exòrma edizioni) e poter quindi scoprire la sua piccola ma organizzata esposizione, l’accoglienza gentile del libraio, i cartelli degli eventi e delle presentazioni in programma, ma meglio tardi che mai. Di quale libreria sto parlando? Della libreria Ubik di Monterotondo! Se siete nelle vicinanze fateci un salto e troverete personale gentile e disponibile nonché libri di grandi ma soprattutto medi e piccoli editori.

Buone letture e buon fine settimana!

That’s all Folks!

Annunci

3 pensieri su “La lettura del week end

    1. Ti dirò, ho letto la quarta di copertina, ho letto un pezzetto a caso e il libraio me lo ha raccontato rendendo una “me curiosa” una “estremamente me curiosa”. Risultato? La borsa in omaggio di SUR ancora più pesante in fiera, e un sorriso ancora più largo. 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...